Quattro passi per scrivere articoli virali e contagiosi

Personalmente impiego tantissimo tempo, a pensare al titolo del mio post.

Perchè il titolo è così importante?

Il titolo è importante perchè si deve distinguere tra una mole di informazioni pazzesca: l’attenzione deve essere catturata in meno di un secondo.

Fate la vostra bella ricerca su un motore di ricerca e la prima informazione che compare la cliccate e non perdete altro tempo.Di contro se alla decima posizione leggete un titolo accattivante lo cliccate lo stesso.

Anche quando ricevete una email di notifica di un post, se il titolo non è persuasivo passate avanti.Tutto ciò è consuetudine.

Il vostro valido articolo compete con migliaia di altri pezzi!

Non scoraggiamoci, adesso vi svelo dei trucchetti:

  • Inserire numeri: Un titolo che quantifica è utile, ad esempio  “cinque modi per scrivere un post corretto” attira di più l’attenzione di un lettore rispetto a “come scrivere un post corretto”.
  • Le  parole “migliore”, “massimo” o “sempre” accanto all’aggettivo che connota quello che racconterete influenza i click sul vostro post.
  • Chiarezza: andare dritto al punto anche dal primo rigo cattura l’attenzione e accompagna il lettore alla fine del posts
  • Nomi e news:  inserire nel titolo i nomi di personaggi famosi, aiutano l’articolo a diventare virale: Attira il lettore!!!

My ebook

Fili di felicità

Pubblicità

Facciamo aggregazione.Let’s gather!!!

testataperchè199

Ognuno di noi vuole far decollare il suo blog: ma ci vuole energia.

Each of us wants his blog to take off, but it takes energy.

Parliamoci chiaro, il nostro blog è parte di noi, è una nostra creatura, forse è la parte più profonda del nostro “sé”: Siamo sempre in attesa di un  “mi piace” o di un commento positivo, e quando arriva ragazzi….. è festa! Chi di voi non guarda le statistiche? La barra dell’istogramma è sempre troppo bassa, e la nostra autostima va giù.

Let’s face it, our blog is part of us, perhaps the deepest part of our “self” : We are always waiting for a “like” or a positive comment, and when we get it, guys…..it’s party! Is There anyone among you guys who does not look at the stats? The histogram bar is always too low, and our sel-esteem goes down.

mongolfiera12

Vorrei invitare tutti i  blogger a  farsi pubblicità gratis, senza spendere neanche un euro. La mia idea (ma aspetterò anche la tua) è la creazione di una pagina degli ospiti. Essa è un messaggio più forte, che suscita curiosità ,che spinge l’utente ad aprirla e consultarla. E’ più forte della sezione ” I blog che seguo” .

I would urge all bloggers to get free advertising, without spending a euro . My idea ( but I’m also waiting for yours) is to create a page for guests. It is a stronger message , which arouses curiosity ,  pushing  the user to open it and read it.  It is stronger than the ” Blogs I Follow” section. 

filidifelicità300px-187x280

Sei curioso di scoprire la trama?(Una formula magica per riscoprire la felicità)

 

 

Trama:

Bambini lo siamo stati tutti e forse lo saremo per sempre. Le mani nella marmellata le mettiamo ancora , lasciando sulle labbra un microscopico indizio, puntualmente individuato da chi ci sta di fronte in quel momento. Il proposito di questo testo è un incentivo a rallentare, anche solo per piccoli attimi, al fine di riscoprire la fragranza di quei teneri momenti, di quei fili di felicità che se rivissuti alla moviola (come petali di rosa) donano  brividi di adrenalina positiva. Una raccolta di pensieri ed esperienze dell’autore, i cui temi fondamentali sono felicità e creatività.

The plot is:

We have all been kids and maybe we will be forever young . We still put our hands in the cookie jar and we don’t care  if we leave tiny clues on our lips out of haste , promptly identified by those we face at that moment . The purpose of this text is an incentive to slow down , if only for small moments , in order to rediscover the fragrance of those tender moments , of those threads of happiness that if relived in slow motion ( like rose petals ) really give  chills of positive adrenaline . A collection of  the author’s thoughts and experiences of the author , whose main themes are happiness and creativity .

filidifelicità300px-187x280

 

In dialetto Ti dico Auguri di Buona Pasqua!

Ieri mi ha telefonato un amico di infanzia che non sentivo  da parecchio tempo, perchè si è trasferito a Roma da quasi venti anni. Egli romano di adozione,  non ha dimenticato il suo  dialetto( filo conduttore della sua origine e della sua terra): la comunicazione telefonica(infatti) è avvenuta perlopiù in “Napoletano”. Le sue parole mi hanno reso estremamente felice, facendomi ritornare in dietro nel tempo e rivivere alcuni momenti della mia gioventù.(Penso che se mi avesse fatto gli auguri in italiano ,forse non avrei avuto le stesse emozioni positive nell’ascoltare le sue parole).

Per tale motivo, ho pensato di scrivere questo post con l’intento di fare gli auguri di Buona Pasqua a tutti , in maniera più fluida ed emozionale al fine di abbattere certe espressioni stantie ed ingessate.

Parlare in dialetto non è “tabù”!

Molto spesso consideriamo i nostri dialetti come “figli” dell’italiano, invece non è così perchè essi sono dei “fratelli” meno fortunati : tutti i dialetti hanno un medesimo genitore, vale a dire il latino che era in uso fra le classi popolari di Roma e dell’Italia. Se si vuole, dunque, i nostri “dialetti” sono, a pieno titolo, lingue “neolatine” o “romanze” proprio come il francese, lo spagnolo, il portoghese.

Parlare in dialetto, molto spesso significa parlare agli amici, infatti gli amici blogger( che saluto e cito) mi hanno tradotto la seguente frase, con i loro dialetti:

“Auguri di Buona Pasqua a tutti,  da parte di noi blogger ( Ce la possiamo fare)”

(Tedesco, non è un dialetto ma va bene lo stesso)Wir Blogger wünschen allen Frohe Ostern! (puramagia)

(Friulano)Une vore di augurs di Buine Pasche a duc, de bande de clape dai “blogger” di O Poden Petale (durigatto)

(Triestino)Auguri de bona Pasqua a tuti, da parte de noi bloggher (ghe la podemo far) (accantoalcaminoblog)

(Piemontese)Bun-a Pasqua a tuti davpart ad nuj autri blogger (as poeul fese) (pupazzovi

(Piemontese) augüri ad buna Pasqua a tüti,da part ad nui blogger (J la poduma fé) (ilmondodibabajaga)

(Dialetto noneso)Auguri de bona Pasqua a tuti, da noi autri blogger (ghe la poden far) (charmeandmore)

(Ferrarese)Auguri ad Bona Pasqua a tuti, da nuàltar blogger (a gla putèn far) (nonsolobiancoenero)

(Napoletano) A tutt gli amic “Bona Pasq”, da part di noi blogger (c’ha putimm fa)(me)

Che mescolanza di suoni e di culture( non lo avvertite?)

Che bello essere AMICI!

The love of a mother

I MADRE AMANO su Flickr Large

Foto di  VinothChandar

Le donne sono le storiche eredi dell’angelo del focolare che ama indossare nuovi capi che ne esaltano la bellezza, finalmente liberi da ogni tipo di preconcetto.

Le donne il sesso più equo (anche se non solo le donne, ma anche gli uomini, recentemente sono diventate più vigili nella cura della loro immagine) si sentono felici quando indossano un abito costoso o non scelto in base alla loro creatività e immaginazione. Vorrei inviare qualcosa agli altri, un modo di comunicare, un testo infinito da decifrare, un modo per condividere stati d’animo, emozioni e passioni.

Un particolare tipo di abbigliamento, che ci piaccia o no, ci colpisce proprio come l’uniforme del dottore influenza strani effetti come la paura e l’alienazione. Al contrario, la vista di un bellissimo capo di abbigliamento è un bel maglione colorato (come quello su un blog che seguo, precisamente ilcuoredibeatrix )

Il blog citato in precedenza, mi ha fatto venire in mente il ricordo della mia adolescenza di quando mia madre mi ha cucito un maglione fatto a mano creando un modello che aveva trovato su una rivista di calcio, dove lo indossava .

Anche se quel maglione è stato indossato così tante volte mantiene ancora la sua bellezza ed è ancora uno dei miei capi di abbigliamento. Quando sono di umore blu mi piace indossarlo e questo gesto è altamente terapeutico. Forse perché quei fili di lana (o felicità) incagliati trattengono ancora, il movimento lento e scrupoloso delle mani di mia madre, la luce giallastra di quelle serate trascorse in cucina ascoltando il crepitio del legno proveniente dal camino, la mia felicità in seguito passo dopo passo della fine della confezione e infine (ma la cosa più grande) l’amore di una madre .

Faccio un regalo alla mia mamma, le regalo un libro:

Mamma

Una mamma lo sa

Il mio ebook

Time to steal a kiss from you

Kiss on Flickr Large

Foto di patries71

We are in trouble, before us there is always a guy who runs like hell: it’s our “time”.

“Time is money”; “Time and tide waits for no man”; “Puting off until tomorrow steals time”.

Looming deadlines, the lack of time lots of things to do without enough time to do them; eight hours are definitely not enough.

These worries do not seem to give us peace; just when we think we have arrived at the top, everything starts all over again the next morning.

But why is it always so?

A Classic parent-child conversation sounds like :one of the most common exhortations, even in the most organized family is “Hurry up!” (Or ” Come On Emma get it quick !”, Or “come on , Luca!). If we listened and to ourselves and counted, we would remain amazed at how many times in a day we address the person next to us with a call like that.

Time, as such, is not guilty of our troubles, but our attitude towards time is the real culprit, our perception of time: in other words it, is our mind, and not the clocks, which arouses the sense of anguish for the lack of time.

Yet, at times, there’s a moment of being which becomes infinite: “That tender embrace”; “That sweet smile” “Those deep ,languid-timeless eyes “; “The light breeze in your hair”; “Memories of Mom’s lips in pronouncing … .just the time to steal a kiss from you !”


Il tempo di rubarti un bacio

Siamo  in affanno, davanti a noi c’è sempre un tizio che corre a gambe levate “il tempo“.

Il tempo è denaro“; “il tempo e la marea non aspetta nessuno“; “rimandare a domani ruba tempo”.

Scadenze incombenti, il tempo che manca, tante cose da fare senza il tempo sufficiente per farle, nemmeno lontanamente bastano otto ore.

Questi affanni non sembrano darci pace; proprio quando pensiamo di essere arrivati in vetta, tutto ricomincia daccapo la mattina seguente.

Ma perchè è sempre così?

Classica conversazione genitori-figli: una delle esortazioni più comuni, anche nella famiglia più organizzata è “Sbrigati!”(oppure “Su Emma muoviti!”, o “Presto, Luca!). Se ascoltiamo  e contiamo, resteremmo stupiti di quante volte ,in una giornata, ci rivolgiamo a chi ci è accanto con una esortazione del genere.

Il tempo, in quanto tale, non è colpevole dei nostri affanni, lo è il nostro atteggiamento verso il tempo, la nostra percezione del tempo: in altre parole, è la nostra mente, e non gli orologi, che materializza l’angoscia del tempo.

Eppure, a  volte, quell’attimo di tempo diventa infinito: “Quel tenero abbraccio”; “Quel dolce sorriso” “Quegli occhi prfondi-languidi-atemporali”; ” Quel leggero soffio tra i capelli”; ” Il ricordo delle labbra di mamma nel pronunciare ….Il tempo di rubarti un bacio!

Nautilus Village all’interno dell’Ecoparco del Mediterraneo

Di recente sono stato al Nautilus Village un villaggio turistico che si trova a Castel Volturno in provincia di Caserta. Vi consiglio di visitare quest’oasi naturale soprattutto se  i vostri ragazzi amano lo sport e la natura.

Sin dal primo passo nell’entrare in questo parco(uno dei più belli d’Italia) sono rimasto incantato nell’assistere al volo di numerose specie di uccelli che attraversano questo paradiso, sostando attorno ai laghi presenti.

Il personale del villaggio costituito da un team di educatori e di animatori altamente qualificati  offre ai nostri ragazzi momenti di svago dedicati allo sport quali: canoa, rugby, tennis, tiro con l’arco, calcetto, pallavolo, beach volley e attività ludico-ricreative quali bird watching, passeggiate nel parco in piccoli gruppi a piedi o in bicicletta.

Il Nautilus Village, offre una serie di servizi tra questi le gite didattiche e campo scuola.

Con la Gita giornaliera i ragazzi saranno accompagnati nella visita dei siti archeologici e naturalistici dei Campi Flegrei e proseguiranno la giornata all’insegna dello sport e del contatto con la natura affidati allo Staff Nautilus, formato da animatori professionisti e di esperienza.
Il Campo scuola propone invece due o più giorni da trascorrere con attività ludiche e sportive abbinando
la conoscenza del territorio dei Campi Flegrei.
L’obiettivo del Campo scuola è di favorire la relazione e l’affiatamento tra i compagni e tra questi e i loro docenti.
I ragazzi affronteranno sfide e svilupperanno le proprie capacità vivendo emozioni indimenticabili in un contesto
familiare e sicuro.

 

Se vuoi scoprire altri servizi, ti invito a visitare il loro sito

www.nautilusvillage

 

I dieci libri più venduti del momento

CHI HA GIA’ LETTO UNO DI QUESTI LIBRI?

 

1.La giostra dei criceti

La giostra dei criceti parla di una rapina, organizzata con grande macchinazione da quattro balordi della mala romana René, Franco, Cinese e Cencio, hanno…

I protagonisti di questo libro sono una donna, Trudy, suo marito John Cairncross, editore e poeta, e l’amante di lei, Claude, agente immobiliare senza troppi scrupoli. Un triangolo destinato..

 

La protagonista una trentenne napoletana che vive nei Quartieri Spagnoli è una giovane onesta, combattiva, abituata a prendere a schiaffi la vita. Fa l’avvocato,…
Un uomo e una donna in età avanzata si innamorano e riescono a condividere sogni e speranze. Nella cornice….

Esiste un metodo per la felicità duratura? Si può imparare il faticoso mestiere di vivere giorno per giorno in modo da farne addirittura un’arte della…

 

L’autore Giuseppe Cloza descrive un immaginario viaggio di avvicinamento al buddismo di Nichiren Daishonin e alla organizzazione della Soka Gakkai che lo diffonde in Italia e…

 

Questo libro nasce all’alba. Precisamente all’alba di due giorni che, con il Brexit e l’elezione di Trump, hanno cambiato la nostra storia. Siamo…

 

Quasi Niente è un’immersione totale nella cultura montanara, tra aneddoti, riflessioni, storie e personaggi destinati a lasciare il segno. Una…

 

9. Qualcosa 

La Principessa Qualcosa di Troppo, fin dalla nascita, rivela di possedere una meravigliosa, ma pericolosa caratteristica: non ha limiti, è…

 

Immagina che la polizia arrivi a casa tua e ti mostri una foto in cui tu – con i capelli di quel tuo rosso inconfondibile, il tuo cappotto blu -…

Come creare un shortlink

WordPress.com  ti permette di accorciare il tuo url dell’articolo(ad esempio) ed ottenere uno shortlink  per poterlo condividere con tutto il mondo.

Url shortening è una tecnica che si utilizza nel web per accorciare lunghi indirizzi web e trasformarli in link di pochi caratteri.

Come ottenere uno shortlink?

  1. Mio sito→Post(Pagine)
  2. Espandere la sezione condivisione
  3. shortlinks-editore
  4. copiare il link del rettangolo rosso
  5. condividerlo con chi vuoi…

Attenzione!!! per ottenere uno shortlink è necessario aver pubblicato in precedenza un post oppure una pagina.

Come copiare una pagina

Per organizzare una pagina e renderla piacente ci vuole molto tempo, una volta che abbiamo realizzato una pagina che sposa perfettamente il nostro immaginario, perchè non poter riutilizzare questo standard successivamente?

Copiare tale pagina, per noi blogger significa evitare di sprecare molto tempo: il tempo della formattazione del testo, dell’allineamento, dell’inserimento di link pubblicitari, ecc.

Come si copia una pagina?

  1. Mio sito→Pagine
  2. cliccare sui tre pallini a destra della pagina da copiare, scelta nella lista.
  3. menu copy.gif
  4. cliccare su copia

Possiamo copiare una pagina anche dall’interno dell’editor di pagine:

1.Altre opzioni

2.selezionare la pagina da copiare dal menu’ a tendina

3.redattore copy.gif

4. Copia

 

Nuovo in questo blog?…Inizia da qui

Come programmare l’uscita di un post

Non tutti lo sanno, però quello che sto per dirti  lo voglio divulgare perchè io sono contro i segreti e per la crescita comune.

E possibile pubblicare e programmare l’uscita di un post!

Come?

Semplicissimo:

  1. Mio sito→Blog Post→aprire il post
  2. Post settings→Clic su orologio
  3. pianifica giorno e ora
  4. Screen Shot 2015/11/11 alle 10.21.03 AM
  5. È  possibile modificare la data e l’ora  in maniera manuale nella parte superiore del calendario.
  6. Screen Shot 2015/11/11 alle 10.28.04 AM

Una volta pianificato l’uscita del vostro post, fai clic su pianifica.

Attenzione!!! Il limite massimo di programmazione è di 100 post, al di sopra di questa soglia i post non verranno pubblicati.

 

Ti piacerebbe scrivere per Celapossiamofare?

Leggi qui…