3. Come andrà a finire il nostro discorso?

Nel post precedente abbiamo parlato dell’introduzione del discorso improvvisato. Attraverso esso, abbiamo fornito ai nostri uditori l’informazione del punto di arrivo del  viaggio (consentitemi questo eufemismo…) che ci accingeremo a  percorrere attraverso le nostre parole. Il viaggio durerà circa due minuti(la fine del discorso), quindi decideremo di esprimere il corpo del nostro discorso attraverso dueContinua a leggere “3. Come andrà a finire il nostro discorso?”

5.Per il nuovo anno non convinco, ma persuado!

Convincere è una cosa… ma persuadere è tutt’altro! Nel linguaggio corrente, spesso e volentieri, usiamo il termine convincere come se fosse un sinonimo di persuadere. Quando noi vogliamo convincere qualcuno, non facciamo altro che adottare delle strategie verbali per superare degli ostacoli logici e razionali Al contrario , quando vogliamo persuadere facciamo appello a meccanismiContinua a leggere “5.Per il nuovo anno non convinco, ma persuado!”

Esco a fare due passi alla ricerca di “Fili di felicità”

Questo libro (o meglio questo e-book ) è nato un giorno in cui mio figlio  Lorenzo , mentre giocava nel giardino di un centro commerciale ad un certo punto, corre verso di me chiedendomi qualche spicciolo. Alla domanda di cosa ne dovesse fare, risponde con due occhi luccicanti di umanità, ” Voglio far felice unContinua a leggere “Esco a fare due passi alla ricerca di “Fili di felicità””

#4.La motivazione alla base di tutto

Foto di Thụy Du Photo E’ importante saper motivare e coinvolgere il lettore. Non possiamo negare, che il nostro “caro” lettore è la nostra forza, è la spinta atomica che ci consente di postare ancora ed esternare le nostre passioni e le nostre emozioni. Il lettore deve percepire da subito la nostra direzione, il nostro messaggio.Continua a leggere “#4.La motivazione alla base di tutto”

IDEA!!! Ti interessa?

Non voglio perdermi troppo in chiacchiere, quindi sarò diretto!!! AIUTIAMOCI!!! FACCIAMO CRESCERE I NOSTRI BLOG! COME ? Tu scrivi un articolo sul mio blog ed io citerò la fonte mettendo il link del tuo blog. Perchè dovresti scrivere un articolo per il mio blog? Semplicemente perchè, quando pubblicheremo l’articolo, esso potenzialmente raggiungerà un pubblico diContinua a leggere “IDEA!!! Ti interessa?”

Articolo di qualche tempo fa…”Perché è più facile essere tristi che fare un sorriso?”

Vedo sempre più gente rinunciare ad un sorriso, si pensa che il sorriso sia un atteggiamento sentimentale quindi si tira su la corazza, oppure si pensa che il sorriso sia da ebeti che non si rendono conto dei problemi quotidiani. Io penso semplicemente che il sorriso sia una scelta, un diritto a servire la vita.Continua a leggere “Articolo di qualche tempo fa…”Perché è più facile essere tristi che fare un sorriso?””

#4. Vivere creativamente

“Vivere creativamente” significa affrontare la vita sotto l’aspetto del continuo divenire, sul quale abbiamo la facoltà di esercitare il nostro controllo senza adagiarsi nell’abitudine, senza lasciarsi spaventare dai mutamenti, anzi accoglierli volentieri. La chiave di volta del nostro atteggiamento è la prontezza nell’intuire i vantaggi che potremmo trarre dalla circostanza e la capacità di rimboccarciContinua a leggere “#4. Vivere creativamente”

#1.Blogger si diventa

Foto di Jeremy VanderMeer “Signori si nasce ed io modestamente lo nacqui ” è una frase che Totò recita in “Signori si nasce”  un film del 1960, per me intramontabile e che piace ancora oggi agli adulti e ai bambini. Si proprio così! Totò piace ai bambini!  Anche se quest’ultimi, ahimè, sono sempre più attratti dalContinua a leggere “#1.Blogger si diventa”

#5. Essere consapevoli che l’obiettivo dipende da noi

Un obiettivo è più facile se dipende da noi. Molto spesso gli obiettivi che esprimiamo in realtà sono obiettivi per altre persone e non possono essere per noi. Mi spiego meglio: “Voglio che i miei follower trovino il mio blog affascinante”; “Voglio che  i miei follower siano più gentili nella formulazione dei commenti”, non sono ancoraContinua a leggere “#5. Essere consapevoli che l’obiettivo dipende da noi”